motore italia 2020

Due giorni dedicati alle PMI che intendono sviluppare il proprio business e provare a crescere nonostante l’emergenza pandemica. Il 9 e 10 dicembre 2020 Class Editori ha organizzato la sesta edizione di Motore Italia dal titolo 2021. Preparare il rilancio. La mappa dell'Italia che pensa e produce. Strategie e soluzioni dei protagonisti di oggi e domani.

Il presidente di FonARCom e Cifa, Andrea Cafà ha partecipato al panel “Formazione, i profili su cui puntare” nel corso della prima giornata con Giuseppe Paolone, rettore vicario Università Pegaso e Vittorio Nascimbene, ceo, Ricercamy.

Le trasformazioni in atto nel mercato del lavoro richiedono un cambiamento del modo tradizionale di concepire il lavoro e un rafforzamento delle competenze non solo dei giovani in uscita da scuola e università, ma anche dei lavoratori attualmente occupati e di quelli momentaneamente senza lavoro.

È certamente necessario investire nella conversione e nella costruzione di nuovi percorsi di istruzione ma i tempi di attuazione sono molto lunghi, la formazione continua assume cosi un ruolo chiave per le aziende e deve essere potenziata con investimenti mirati. È chiaro che le grandi imprese siano più portate ad investire in piani formativi, ma anche le microimprese e le PMI, e mai come in questo periodo storico, hanno bisogno di evolvere e di digitalizzarsi.

Commentando i fabbisogni delle imprese, Andrea Cafà afferma: “per crescere sono necessarie competenze e formazione, in particolare in ambito green e digitale, anche in relazione alla nascita di nuove figure professionali. Proprio per promuovere la formazione di competenze digitali per i dipendenti delle aziende, FonARCom ha creato l’avviso Diginnova: 5 milioni di euro per finanziare la formazione in tempi rapidi.”