ImuIl presidente Napolitano ha firmato il decreto legge sull'Imu, sulla Cassa integrazione in deroga e sulle misure destinate agli esodati. Sorpresa: non c'è la reintroduzione dell'Irpef sulle case sfitte, misura che aveva sollevato proteste da destra a sinistra. Grida di giubilo e plausi al governo si levano da tutta Italia! Ma c’è un rovescio della medaglia.

Continua a leggere...

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INTERSETTORIALE

Commercio, Terziario, Distribuzione, Servizi, Pubblici Esercizi e Turismo

Validità 2013, 2014, 2015, 2016

Allegato D

Settore Turismo e Pubblici Esercizi (Artt. 35 e 36 CCNL)

Retribuzioni Base per aziende con sede ovvero che operano in comuni con popolazione residente inferiore alle 10.000 unità e definiti montani o rurali.

Continua a leggere...

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INTERSETTORIALE
Commercio, Terziario, Distribuzione, Servizi, Pubblici Esercizi e Turismo
sottoscritto da Cifa, Fedarcom, Confsal, Fna e Snalv

valido per gli anni 2013, 2014, 2015 e 2016
CAMPO DI APPLICAZIONECOMMERCIO, TERZIARIO, DISTRIBUZIONE E SERVIZI

Ai sensi dell'articolo 33 CCNL possono applicare il presente CCNL le aziende aderenti a Fedarcom o alla Confederazione CIFA che appartengono ai seguenti settori:

Continua a leggere...

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INTERSETTORIALE

Commercio, Terziario, Distribuzione, Servizi, Pubblici Esercizi e Turismo

Validità 2013, 2014, 2015, 2016

Allegato B

Settore Commercio, Terziario e Servizi (Artt. 33 e 34 CCNL)

Retribuzioni Base per aziende con sede ovvero che operano in comuni con

popolazione residente inferiore alle 10.000 unità e definiti montani o rurali.

Continua a leggere...

Documento senza titolo

CCNL COMMERCIO piccolo Pagina 001Roma, 25/7/2013

Sottoscritto lo scorso 24 Luglio in nuovo CCNL Intersettoriale per i settori Commercio, Terziario, Distribuzione, Servizi, Turismo e Pubblici Esercizi. Tra le novità: Regimi retributivi di favore per aziende si te in zone disagiate, retribuzione progressiva d’ingresso, apprendistato, premi presenza, banca delle ore e molto altro.

Continua a leggere...

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INTERSETTORIALE

Commercio, Terziario, Distribuzione, Servizi, Pubblici Esercizi e Turismo

sottoscritto da Cifa, Fedarcom, Confsal, Fna e Snalv

valido per gli anni 2013, 2014, 2015 e 2016

CAMPO DI APPLICAZIONECOMMERCIO, TERZIARIO, DISTRIBUZIONE E SERVIZI

Ai sensi dell'articolo 35 possono applicare il CCNL le azinde aderenti a Fedarcom o alla Confederazione Cifa dei seguenti settori:

Continua a leggere...

aumento-Iva-300x302

Roma, 18 Giugno 2013 – Sono oramai trascorse diverse settimane dall’insediamento del nuovo esecutivo Letta, risultato di una faticosa dialettica politica dopo le ultime elezioni, sfociata in un governo dalle “larghe intese” tra la destra e la sinistra del Paese. Ma a fronte dell’emergenza economica e sociale in cui versa l’Italia, l’orientamento politico ed i provvedimenti presi finora, appaiono necessariamente orientati a gestire le emergenze, in un clima di veti incrociati e conseguenti mediazioni tra le forze politiche che si sono affrontate nell'ultima tornata elettorale ed ora condividono la responsabilità di governo.

Continua a leggere...

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INTERSETTORIALE

Commercio, Terziario, Distribuzione, Servizi, Pubblici Esercizi e Turismo

Validità 2013, 2014, 2015, 2016

Continua a leggere...

Accesso al credito d’impresa e crisi economica, Cafà (CIFA): quale sostegno concreto dalle Banche?Roma, il 7 Febbraio 2013 – In tempo di crisi economica, come quello attuale, le imprese navigano a vista, senza potere programmare crescita ed investimenti. Il clima di incertezza che si respira nel nostro Paese, non è solo il frutto di una crisi congiunturale che ormai si protrae da diversi anni, ma il risultato di ricette e soluzioni di politica economica, che i governi nazionali semplicemente non hanno mai attuato, pur animando il dibattito politico.
Ed oggi tutto il sistema paese paga il conto, immerso in una spirale involutiva pericolosa: le aziende, quando non chiudono, riducono gli occupati e non fanno investimenti, e questo significa perdita del potere di acquisto delle famiglie, riduzione dei consumi, a fronte di un carico fiscale crescente.

Continua a leggere...